Font Size

SCREEN

Direction

Menu Style

Cpanel

EMail Stampa

Prenota qui

Evento 

Titolo:
Duo G. Crivelli - G. Polle Ansaldi
Quando:
07.05.2017 17.00 h
Chi:
Duo G. Crivelli - G. Polle Ansaldi -
Categoria:
Incontri Musicali - Stagione Primavera-Estate 2017

Descrizione

musiche di Mendelssohn, Stravinsky, Schumann, Chopin
Attenzione: Biglietti esauriti
Attention: Sold out

Artisti

Artista:
Duo G. Crivelli - G. Polle Ansaldi

Descrizione

Il duo formato dal violoncellista Giovanni Crivelli e dal pianista Gaston Polle Ansaldi terrà i concerti del prossimo weekend 6-7 maggio alla Mortella. Entrambi piemontesi, i due giovani musicisti sono stati premiati in concorsi nazionali e internazionali e hanno tenuto concerti in Italia, Europa, Asia e America del sud. Il duo, formatosi nel 2014, si è subito affermato al concorso internazionale di Stresa, dove ha vinto il primo Premio, proseguendo poi con una lunga serie di consensi che lo hanno portato nel 2016 ad esibirsi nella prestigiosa Wiener Saal del Mozarteum di Salisburgo. Giovanni e Gaston si stanno attualmente perfezionando in musica da camera presso la Scuola di Musica di Fiesole, sotto la guida del celebre pianista Bruno Canino.

Alla Mortella si cimenteranno in 2 programmi completamente diversi ed estremamente impegnativi, dove a capolavori di grandi compositori del periodo romantico, Schumann, Mendelssohn, Chopin, si alterneranno pagine dei maggiori compositori del '900 come Shostakovich, Strawinsky e Webern. I programmi prevedono anche pagine di raro ascolto, come l'Introduzione e Polacca op. 3 di Fryderyk Chopin, composizione giovanile scritta dal grande polacco all'età di 19 anni, la quale è una delle pochissime opere di Chopin non destinate esclusivamente al pianoforte: pagina che, da lui considerata solo "futilità da salotto, per le dame", in realtà cattura l'attenzione dell'ascoltatore con un virtuosismo poetico e lirico e con la scintillante parte pianistica che accompagna mirabilmente la voce calda e sensuale del violoncello.
Sei qui: Home Musica Prenota qui Dettagli - Giulio Biddau